logo formalia

CORSI DI FORMAZIONE PER APPRENDISTI

Apprendistato

 

L’apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato a contenuto formativo, finalizzato all’ingresso dei giovani (massimo 29 anni) nel mondo del lavoro e alla acquisizione di una qualifica professionale.

 

L'articolo 1, comma 1, del Decreto legislativo n. 167/2011 definisce l'apprendistato " un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani". Pertanto, al suo interno convivono un normale rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato e un rapporto di formazione a tempo determinato.

 


Sono interessati i soggetti di età compresa tra i 18 e i 29 anni (inteso fino a 29 anni e 364 giorni), ovvero a partire dal compimento dei 17 anni se in possesso di una qualifica professionale conseguita ai sensi del D. Lgs. 226/2005.

 

Procedi come segue:

  1. Seleziona la Formazione che ti serve ( LAUREATI - DIPLOMATI - LICENZA MEDIA)
  2. Seleziona l’annualità che fa per te.
  3. Se l’apprendista è già in possesso dell’Attestato in materia di Sicurezza procedi all’acquisto della sola annualità formativa corrispondente alle tue esigenze;
  4. Se l’apprendista non è in possesso dell’Attestato in materia di Sicurezza, procedi anche all’acquisto della formazione sulla sicurezza corrispondente al tuo settore;

N.B. La formazione “generale” in materia di Sicurezza è comune a tutte le aree di lavoro, quindi non deve essere effettuata nessuna scelta;

 

Tutto quello che devi fare è acquistare il pacchetto sicurezza che fa per te cliccando sulla mattonella corrispondente!

 

All’interno dei moduli corrispondenti troverai le informazioni relative al contenuto del corso.

 

Formazione per Laureati Formazione per Diplomati Formazione per Licenza Media

 

                       

 

Scopri di più

L’inserimento lavorativo deve sempre essere accompagnato da attività formative che, unitamente alla pratica lavorativa, consente all’apprendista di acquisire le competenze necessarie allo svolgimento delle mansioni legate alla propria qualifica professionale.

Il D.Lgs 15 giugno 2015 n.81 prevede tre tipologie di apprendistato la cui disciplina è affidata in parte alla legge, in parte alle Regioni (che hanno il compito di regolare la formazione professionale) ed in parte alla contrattazione collettiva nazionale:

  1. Apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale, che può essere stipulato con soggetti dai 15 fino ai 25 anni di età;
  2. Apprendistato professionalizzante, o contratto di mestiere, che può essere stipulato con soggetti di età compresa tra i 18 e i 29 anni;
  3. Apprendistato di alta formazione e ricerca, che può essere stipulato con soggetti di età compresa tra i 18 e i 29 anni;

 

Apprendistato Professionalizzante

Il datore di lavoro che intende assumere un apprendista con contratto di apprendistato professionalizzante, deve rispettare la seguente procedura:

 

  • stipula del contratto di apprendistato;
  • stipula del piano formativo individuale entro 30 giorni dalla stipulazione del contratto;
  • comunicazione obbligatoria al Centro per l'Impiego da effettuarsi un giorno prima dell'assunzione;
  • garantire la sicurezza sul lavoro;
  • impartire all'apprendista l'insegnamento necessario perché possa conseguire le conoscenze tecniche per diventare lavoratore qualificato;
  • attuare il percorso formativo previsto dal piano formativo;
  • registrare la formazione effettuata sul libretto formativo del cittadino;

 

Il contratto di Apprendistato Professionalizzante è finalizzato al conseguimento di una qualifica professionale che verrà conseguita a seguito della formazione prevista nel Piano Formativo Individuale. La durata del contratto non può essere superiore a 3 anni, elevabili a 5 per particolari profili professionali nell’ambito dell’artigianato.

 

La formazione per l’apprendistato professionalizzante si articola in:

 

 • formazione di base e trasversale, di competenza delle Regioni;

 • formazione tecnico-professionale, da erogare a cura dell’impresa secondo le previsioni della contrattazione collettiva.

 

 

Formazione di base e trasversale

La disciplina della formazione di base e trasversale è affidata alle legislazioni regionali ai sensi delle Linee Guida adottate dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano del 20 febbraio 2014, come stabilito dall’art.44 del D.Lgs. n.81/2015.

In base a dette Linee Guida i datori di lavoro possono scegliere di erogare direttamente, anche attraverso organi terzi accreditati alla formazione professionale, la formazione di base e trasversale; di conseguenza Accademia Formalia, in qualità di Ente accreditato alla Regione Lombardia per i servizi alla formazione, è abilitata alla erogazione della suddetta formazione professionale.

In base a quanto stabilito nel Parere n.2568 del 24 febbraio 2017 rilasciato dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro, è possibile erogare la formazione di base e trasversale in modalità FAD (formazione a distanza), nei limiti e con le modalità previste dalle singole discipline regionali: in attesa della definizione delle modalità a livello regionale – ancora nessuna Regione lo ha fatto – il suddetto Parere ritiene che possano essere applicati i limiti alla FAD previsti per la formazione in tema di sicurezza sui luoghi di lavoro e prevenzione infortuni, in quanto limiti posti a tutela di un valore ben più elevato, e quindi, applicabili in materia di formazione apprendistato.

La Regione Lombardia, con DGR 4676/2015, ha ripreso pienamente i suddetti principi, specificandone i dettagli operativi.

 

 


La normativa

Come previsto dalla normativa vigente, ogni Apprendista assunto con un contratto di Apprendistato Professionalizzante (2° livello) deve svolgere nei 3 anni di contratto 40, 80 o 120 ore di formazione di Base Trasversale, in relazione al suo Titolo di Studio.

 

In particolare:

 

  • 120 ore per gli apprendisti privi di titolo o in possesso di licenza elementare o media;
  • 80 ore per gli apprendisti in possesso di diploma di scuola secondaria di II grado o di qualifica o diploma di istruzione e formazione professionale;
  • 40 ore per gli apprendisti in possesso di laurea o titolo equivalente.
     

Questa formazione è appunto "trasversale" ad ogni contratto di apprendistato, dunque uguale per tutti gli apprendisti, siano essi pasticceri, meccanici, parrucchieri, edili, ecc. 

 

La formazione per l’acquisizione delle competenze di base e trasversali deve avere come oggetto una selezione di moduli formativi afferenti alle seguenti tematiche:

 

  • Sicurezza sul lavoro;
  • Organizzazione e principi economici;
  • Qualità aziendale;
  • Relazione e comunicazione in ambito lavorativo;
  • Disciplina del rapporto di lavoro;
  • Competenze digitali e linguistiche.

 

NB: fermi restando gli standard orari sopra riportati, la durata della formazione può essere ridotta in caso di:

 

  • eventuale acquisizione di un titolo di studio nel corso della durata dell’apprendistato;
  • crediti formativi acquisiti mediante la partecipazione ad uno o più moduli formativi coerenti con la normativa vigente.

 

Riferimenti normativi: